Bilancio del 2020

 

Siamo arrivati alla fine del 2020, un anno che ha cambiato radicalmente la vita di tutti i popoli, colpito dagli effetti catastrofici del COVID 19.  Effetti che si ripercuotono gravemente sulla salute, sulla pace sociale e sull’economia soprattutto nelle nazioni più fragili e vulnerabili del pianeta.

La pandemia ha causato nel mondo una delle crisi più profonde dell’era contemporanea.  Tuttavia,   speriamo che  con la creazione del vaccino possiamo  superare  questo nemico comune.  Un raggio di luce  è  visibile alla  fine del tunnel.

Il Covid 19 ha attirato l’attenzione di tutti i mezzi di comunicazione. Tuttavia, in questo articolo  presteremo particolare attenzione ai fenomeni naturali inclementi, in particolare alla storica stagione degli uragani che quest’anno ha battuto il record, tra le più attive in questi tempi.

L’area atlantica, i Caraibi e il Golfo del Messico sono stati pesantemente colpiti dalla formazione di trenta (30) tempeste tropicali, di queste diciannove (19) sono stati uragani, provocando 430 morti e più di $ 40,000,000,000 di danni.

Il Centro America e i Caraibi sudamericani sono state le aree delle Americhe più colpite dai grandi uragani Eta e Iota, lasciando molta desolazione. Inoltre, la natura ha mostrato la sua violenza con le grandi inondazioni in Europa, Asia e Sud America. Nel continente asiatico i tifoni hanno colpito grandi villaggi.

Abbiamo visto con preoccupazione gli incendi forestali negli Stati Uniti, in particolare nello stato della California, che hanno interessato 1,62 milioni di ettari di terreno, un’area superiore allo stato del Connecticut.

A tutto ciò sorge la domanda: dove sta la causa di tutti questi fenomeni?

Gli esperti in materia attribuiscono la causa di tutti questi fenomeni al riscaldamento globale (CG), di cui parlerò nel prossimo articolo.

P. Edward González Valdez, CRL